Seminario EPALE - Roma, 02- 12 - 2016 - “Pratiche innovative nell’insegnamento dell’Italiano L2” -

Si è svolto nel pomeriggio del 2 dicembre 2016, nella cornice dello Spazio Europa, in Palazzo Campanari a Roma, sede di rappresentanza in Italia della Commissione Europea, il Seminario “Pratiche innovative nell’insegnamento dell’Italiano L2”, organizzato dall’Unità Nazionale EPALE Italia, l’Agenzia Erasmus + INDIRE.

All’evento hanno partecipato i rappresentanti della piattaforma EPALE Italia e la coordinatrice di “Scuole migranti”, un network di associazioni che nel Lazio promuove l'integrazione linguistica di adulti e bambini migranti. Il portavoce Prof. De Luca, intervenuto all’incontro, ha illustrato come si è arrivati a tale obiettivo attraverso il Progetto “Quirinale”: una serie di passeggiate didattiche nei luoghi più rappresentativi delle istituzioni in Italia, per spiegare agli stranieri, con un linguaggio adeguato al loro livello linguistico, i principi fondamentali della Repubblica, la Carta Costituzionale e il ruolo del Capo dello Stato. Il progetto ha rappresentato uno stimolo prezioso per motivare gli allievi, consolidare il gruppo classe e migliorare la loro integrazione nella cultura civile italiana.

Sono stati presentati, inoltre, due prodotti didattici innovativi: 1. una APP dal titolo UUGOTIT, per imparare la lingua attraverso video su dispositivi mobili con sottotitoli traducibili con un solo clic; 2. un gioco didattico, dal titolo I.D.E.A., per apprendere la lingua italiana in forma ludica. Entrambi sono il frutto delle buone pratiche diffuse attraverso la piattaforma EPALE, e promosse l’una sul mercato austriaco (e tuttora in fase di studio) e l’altra dal CEFAL Emilia Romagna e dal CPIA Montagna della città metropolitana di Bologna su Fondi del Progetto FEI.

E’ intervenuto alla manifestazione anche l’attore e mediatore linguistico egiziano Shadi Ramadan, che nel 2013 ha preso parte al film “La mia classe” di Daniele Gaglianone. Ambientato nel quartiere multietnico del Pigneto a Roma, la pellicola racconta la storia collettiva di una classe di migranti e stranieri che imparano l’italiano. È un racconto vero, che nasce tra mura scolastiche non convenzionali e si compone delle vicende individuali di un insegnante e dei suoi studenti. La sceneggiatrice della pellicola, Claudia Russo, intervenuta con Ramadan alla presentazione, ha fornito la sua testimonianza sul film che - ha detto - nasce dalla sua esperienza personale a fianco dei migranti nell’Associazione “Passaparola” che ora dirige.

Il seminario si è svolto a seguito della Cerimonia di Premiazione dei 15 Progetti vincitori del prestigioso premio LABEL EUROPEO PER LE LINGUE, selezionati su tutto il territorio nazionale.

L’evento ha rappresentato un momento di interessante confronto di esperienze per operatori ed esperti del settore.

I tre progetti di apprendimento dell’italiano come lingua seconda che sono stati presentati testimoniano un modello diverso di insegnamento, lontano da quello tradizionale, ma in grado di favorire l’azione, la comunicazione e la conoscenza della lingua in contesti reali. In ambienti didattici di questo genere, come ben evidenziato dal film di Gaglianone, muta naturalmente anche il ruolo del docente: se è vero che insegnare significa anche ascoltare le storie di ogni alunno, lo è ancora di più quando la classe è multiculturale, quando ogni persona porta con sé la ricchezza di una diversa cultura e l’enorme difficoltà di un percorso migratorio.

Promuovere la diversità linguistica è ancora una priorità dell’azione comunitaria nel settore istruzione e formazione.

Qui di seguito il servizio curato dalla redazione giornalistica dell’Indire:

https://ec.europa.eu/epale/it/content/imparare-contesti-reali-i-risultati-del-seminario-epale-su-italiano-l2

Valentina Verze

Edaforum Firenze

Autore articolo: 
Valentina Verze - Edaforum Firenze